Maria Gabriella Mariani
Profilo

Nome Profilo
Maria Gabriella Mariani
Email
baronssteiner@gmail.com

Telefono
+39 3343193706
Data di nascita
Curriculum

MARIA GABRIELLA MARIANI pianist composer and writer

Her playing is so interesting, so artistic, varied and never predictable … I really like his Scarbo … Her improvisation is extraordinary.” (Martha Argerich)

“Her music reveals a very impressive creative nature supported by exceptional piano skills characterized by a total domination of the keyboard and by a more unique and rare timbre search.” (Aldo Ciccolini, back cover of Consonanze Imperfette, Zecchini, 2010, with attachment CD Fun Tango)

Complex musical personality and at the same time transparent that of Maria Gabriella Mariani, a Neapolitan pianist of marked talent but also a composer and writer not only of music but also of novels and with irruptions in other territories. They are worlds that intersect with a complementarity that finds its outlet in the naturalness of a musical vocation that seems to free itself with the happiness of an irresistible vitalism precisely in improvisation. A synthesis of this imaginative tension can be seen in the Hologram – a title that reflects the breadth of the author’s suggestions for the scientific world – where a Theme and Variations that is articulated through three movements like a feverish regeneration finds a liberating counterweight in the Improvisation occupying the fourth movement with a duration greater than that of the three previous movements: to say of a reinforcement of a creative impulse that after having traveled the formal itineraries of variations, continually reshaping its profiles, spreads itself in all its breadth, pushed from memories that the keyboard seems to have preserved in its variegated complexity, from the beloved Schumann to Albeniz, Granados and many others still, without however the pitfall of eclecticism, shunned precisely by the native force of an invention that invests the forms involving them in a wrap-around kaleidoscopic game like the one that passes along the three movements of the person ta Pour jouer, dedicated to Aldo Ciccolini, a symbolic tribute to the most illustrious of his masters who responded to the dedication with moved admiration.” (Gian Paolo Minardi, Classic Voice, 2018 review of the CD Pour jouer| Virtuoso Piano Works)

——-

The recent recording works recorded for the Japanese label DaVinci Classics that have produced wonderful reviews and the assignment of 5 Global Music Awards in Los Angeles once again put Mariani, both as a concert performer and as a composer and interpreter of their own compositions, to the attention of international criticism: the American awards obtained in 2017 for the performance of Gaspard de la nuit (M. Ravel) and for her composition  Fun … Tango, and again in 2018 for the Album Pour jouer / Virtuoso Piano Works (Da Vinci Classics) confirm the double artistic value of a multifaceted personality that had already deeply impressed Martha Argerich and Aldo Ciccolini, long-time mentors of a pianistic talent able to find even in the improvisation a broad creative horizon.

Critics remark a passionate temperament, combined with a virtuosity that shines both in her compositions and in her performances as an interpreter of the classical repertoire. These features are also evident in the recent CD Virtuoso Piano Works, in which you can also hear a 24-minute improvisation that has struck international critics: “a great improvisation and interpretative art” (J. Buddecke, Concerts Das Deutsche music lieben ), “Mariani’s performance is outstanding, technically commanding and of utter musical integrity […] all pianophiles should investigate” (C. Clarke); “a 24-minute Improvisation… a “super variation” or a cadenza that happens to come after the finale…  this gesture must be unique in music history” (H. Dent, Fanfare); “An esxplosive personality” (P. Rattalino, Musica).

An essential element in her artistic career is certainly the activity of writer. “I have two languages ​​and one  imagery” –  she says of  herself. Music and literature intertwine and  their suggestions influence each other. Her first novel, Presenze (Sovera 2008), is combined with the homonymous CD of her music; in the same way Fun Tango (2009) was born concurrently with the novel Consonanze Imperfette (Zecchini, 2010); also the Cd Riflessi (Bongiovanni / Naxos, 2014) joins the book of stories Riflessi. Story of stories without stories (Tullio Pironti Publisher) and the same goes for the new novel Hologram. Seven lives not to die (Guida Publisher, 2019) which is connected to the music Hologram – Theme, 17 Variations and Final with Improvisation. Finally, in this new Album  titled Fairy Tales, her composition Kinderliana  is inspired from the Dora and Lucia’s Tales.

This symbiosis has also attracted interest in Germany where, in addition to the usual solo piano recitals, she will stage performances of music and storytelling.

Sensitive and introverted child with a precocious talent, she starts improvising and composing when she is only 3 years old. This will give her the opportunity to develop a privileged relationship with music.

She studies in Italy and France, obtains first and second prizes in national and international competitions and a prize of the Senate of the Italian Republic and the “Naples for excellence – Civicrazia” award.

At the age of 14 she made her debut at the “Rimini Aterforum – Sagra Malatestiana”, impressing the major critics of the time.

She loves chamber music but prefers to play solo and has held recitals in Europe.

Her music has been broadcast for RSI Lugano, BBC London, Radio France, RAI RadioTelevisione Italiana, Vatican Radio, Radio Classica – Class Editori Milan;

she has played for important Italian and foreign concert institutions throughout Italy and abroad (Gasteig – Monaco, Kulthurhaus – Berlin, Swedish Government  Axel Munthe Foundation, Mozartwoche Salzburg, SeeCampus Niederlausitz, La Jolla Academy, La Società dei Concerti Foundation – Milano, Teatro San Carlo, Auditorium RAI and Associazione A. Scarlatti  – Naples, Ravello Festival, Teatro Ghione – Rome, Teatro del Giglio – Lucca, Teatro Verdi – Trieste, Collegio del Mondo Unito e dell’Adriatico – RAI Friuli Venezia – Giulia, MozartBox, Accademia Pescarese, the Santa Cecilia Conservatory , the G. Verdi Conservatory – Milan, the San Pietro a Majella Conservatory – Naples  etc.).

For contemporary music she held several tours throughout Spain for the Ministerio de Cultura and the Centro de Difusion de Musica Contemporanea.

Her recent compositions are published in scores by Da Vinci Publishings (Osaka).

At the age of 21 she received his degree in Literature with the publication of the Thesis title Schumann: Pensiero e Fantasia (Gentile Publisher) and then in just 14 months (with special dispensation) the one in Political Science with an international political orientation followed by a master S.I.O.I.

ITALIANO (Biografia sintetica)

Concertista napoletana ha vinto premi in prestigiose competizioni nazionali e internazionali e recentemente cinque Global Music Awards in USA come pianista e compositrice.

Ha pubblicato e registrato numerosi lavori pianistici e progetti discografici.

Attualmente incide per l’etichetta nipponica DaVinci Classics ed i suoi spartiti sono pubblicati per la  DaVinci Publishings – Osaka.

Ha eseguito e presentato le sue opere musicali e/o i suoi lavori letterari in tutta Italia e all’estero, presso prestigiose istituzioni concertistiche e culturali oltre che a RSI_Radio TelevisioneSvizzeraItaliana, RAI_RadioTelevizioneItaliana, BBC Londra, Radio France, Radio Classica Class Editori Milano, Radio Vaticana.

Ha esordito a 14 anni con alcuni Studi Trascendentali di Liszt e con Chopin alla Rassegna Internazionale “Rimini Aterforum – Sagra Malatestiana”,  impressionando i maggiori critici dell’epoca, e sin da giovanissima ha tenuto concerti in tutta Europa e in U.S.A per prestigiose istituzioni concertistiche.

I suoi recital, le sue composizioni e i lavori discografici sono stati recensiti per riviste di settore internazionali e da noti musicologi italiani e stranieri.

Nel 2014 Roberto De Simone le dedica un saggio, dove afferma che “la sua musica potrebbe dichiarare un’odierna creatività musicale”

La narrativa e la musica costituiscono per lei un unico linguaggio che si articola attraverso diverse modalità di espressione.

Ha scritto otto romanzi e una trentina di racconti. Molti dei suoi scritti sono strettamente collegati a sue opere musicali.

Questi ultimi sono strettamente collegati all’opera pianistica Kinderliana, inserita nel CD “Fairy Tales” (DaVinci Classics 2019).  Allo stesso modo il recentissimo romanzo Ologramma. 7 Vite per non morire (Guida Editori 2019) trae fonte di ispirazione dalla stessa matrice di Ologramma, Tema, 17 Variazioni, Finale con Improvvisazione (inciso nel CD  Virtuoso Piano Works, DV 2018): romanzo e musica sono caratterizzati da una struttura basata sul principio musicale del Tema e Variazione, e hanno entrambi un finale a sorpresa.

Nel 2018 ha ricevuto il premio “Napoli per l’Eccellenza” con medaglia e Patrocinio  della Presidenza della Repubblica Italiana.

—————————-

 Biografia dettagliata

“Il suo modo di suonare è così interessante, così artistico, vario e mai prevedibile… mi piace molto il suo Scarbo… Straordinarie le sue improvvisazione.” (Martha Argerich)

Le sue musiche rivelano una natura creativa quanto mai impressionante confortata da doti pianistiche eccezionali caratterizzate da un dominio totale della tastiera e da una ricerca timbrica più unica che rara.(Aldo Ciccolini, quarta di copertina di Consonanze Imperfette e allegato  CD Fun Tango)

———

I recenti lavori discografici incisi per l’etichetta nipponica DaVinci Classics che hanno sortito splendide recensioni e l’assegnazione di 5 Global Music Awards a Los Angeles pongono nuovamente la Mariani, sia come concertista, sia come compositrice e interprete delle proprie composizioni, all’attenzione della critica internazionale: i riconoscimenti americani del 2017 per Gaspard de la nuit  (Ravel) e per la sua composizione Fun… Tango, e del 2018, per l’Album Virtuoso Piano Works (DaVinci) confermano la doppia valenza artistica di una personalità poliedrica che già aveva profondamente impressionato Martha Argerich e Aldo Ciccolini, da tempo mentori di un talento pianistico capace di trovare anche nell’improvvisazione un ampio orizzonte creativo.

La critica rileva un temperamento passionale, unito ad un virtuosismo che traspare sia nelle sue composizioni sia nelle sue performance in qualità di interprete del repertorio classico. Queste caratteristiche si evincono anche nel recente CD Virtuoso Piano Works, in cui si può ascoltare anche un’improvvisazione di ben 24 minuti che ha colpito la critica internazionale:“una grande arte improvvisativa e interpretativa” (J. Buddecke, Concerti Das Deutsche Musik Lieben);“la performance è eccezionale, tecnicamente imponente” (C. Clarke); “un’improvvisazione di 24 minuti, una “super variazione” o una cadenza che viene dopo il finale, un gesto unico nella storia della musica. Il risultato è traboccante e  stupendo” (H. Dent, Fanfare);una personalità prorompente” (P. Rattalino, Musica);v”Personalità musicale complessa e insieme trasparente […] pianista di spiccato talento ma pure compositrice e scrittrice non solo di cose di musica ma anche di romanzi e con irruzione in altri territori ancora. Sono mondi che si intersecano con una complementarietà che trova sbocco nella naturalezza di una vocazione musicale che sembra liberarsi con la felicità di un vitalismo irresistibile proprio nell’improvvisazione[…] (G. P. Minardi, Classic Voice)

Elemento imprescindibile nel suo percorso artistico l’attività di scrittrice. “Ho due lingue e un solo linguaggio”- dice di sé. Musica e letteratura si intrecciano e le suggestioni dell’una confluiscono nell’altra. Il primo romanzo, Presenze (Sovera 2008), è abbinato all’omonimo CD di sue musiche; allo stesso  modo Fun Tango (2008) nasce con il romanzo Consonanze Imperfette (Zecchini, 2010); anche il CD Riflessi (Bongiovanni / Naxos, 2014) si affianca ai racconti Riflessi. Storia di storie senza storie (T. Pironti Ed.) e  altrettanto vale per il nuovo romanzo Ologramma. Sette vite per non morire (Guida Editori, 2019)  collegato al brano musicale Ologramma. Tema, 17 Variazioni e Finale con Improvvisazione: romanzo e musica sono caratterizzati da una struttura basata sul principio musicale del Tema e Variazione, e hanno entrambi un finale a sorpresa. Infine, nel nuovo album  Fairy Tales (DV 2019) la sua Kinderliana trae ispirazione dai Racconti di Dora e Lucia.  In via di pubblicazione i racconti de L’egoismo dei deboli, i romanzi Istruzioni per l’uso (collegato alla Sonata Pour jouer), il romanzo In nome del padre e del figlio (scritto anche sotto forma di libretto teatrale e abbinato all’omonima opera musicale per voci e piccola orchestra).

Questa simbiosi ha destato interesse anche in Germania dove, oltre ai consueti recital di solo piano, ha messo in scena performance di musica e narrativa con attori tedeschi.

Nel 2014 Roberto De Simone le dedica un saggio, dove afferma che “[…]la sua musica potrebbe dichiarare un’odierna creatività musicale […]”

Bambina dal talento assai precoce inizia ad improvvisare e comporre a soli 3 anni. Ciò le darà la possibilità di sviluppare un rapporto assai privilegiato con la musica.

Studia e si pefeziona in Italia, Francia e USA; ottiene dai 13 anni primi e secondi premi in prestigiosi concorsi nazionali e internazionali, il premio del Senato della Repubblica e nel 2018 il premio “Napoli per l’Eccellenza” con medaglia e patrocinio del Presidente della Reppubblica.

Esordisce a 14 anni come la più giovane solista del “Rimini Aterforum – Sagra Malatestiana” con alcuni Studi Trascendentali di Liszt e con una serie di recital su musiche di Chopin, Schumann, impressionando i maggiori critici del tempo “[…] è una giovanissima virtuosa di indubbio talento e dall’impostazione molto calibrata […] con brillante virtuosismo […] con caratteri musicali e tecnici assai rari”  (Adriano Cavicchi, Il Resto del Carlino)

Ama la musica da camera ma preferisce suonare da solista..

Le sue musiche sono state trasmesse spesso in prima assoluta a RSI RadioTelevisione della Svizzera Italiana, BBC Londra, Radio France, RAI RadioTelevisioneItaliana, Radio Vaticana, Radio Classica Class Editori;

ha suonato da solista per importanti istituzioni concertistiche (Gasteig Monaco, Kulthurhaus Berlino, Mozartwoche Salisburgo, SeeCampus Nederlausitz, Governo Svedese Fondazione Axel Munthe, La Jolla Academy, Fondazione La Società dei Concerti Milano, Teatro San Carlo, Auditorium RAI e Ass. A. Scarlatti Napoli, Ravello Festival, Teatro Ghione, Teatro del Giglio Lucca, Teatro Verdi Trieste, Collegio del Mondo Unito e dell’Adriatico – RAI Friuli Venezia – Giulia, MozartBox, Accademia Pescarese, Conservatori di S. Cecilia e G. Verdi di Milano, San Pietro a Majella Napoli etc.).

Per la musica contemporanea ha tenuto tournée in tutta la Spagna per il Ministerio de Cultura e per il Centro de Difusion de Musica Contemporanea.

Le sue recenti composizioni sono pubblicate in spartiti per la Da Vinci Publishings (Osaka).

Ha conseguito a 21 anni la Lauree in Lettere con pubblicazione della Tesi del titolo Schumann: Pensiero e Fantasia (Gentile Editore) e successivamente in soli 14 mesi (con dispensa speciale) quella in Scienze Politiche ad indirizzo politico internaizonale seguita da un master S.I.O.I.

———-

HANNO DETTO DI LEI… 

“Personalità musicale complessa e insieme trasparente quella di Maria Gabriella Mariani, pianista napoletana di spiccato talento ma pure compositrice e scrittrice non solo di cose di musica ma anche di romanzi e con irruzione in altri territori ancora. Sono mondi che si intersecano con una complementarietà che trova sbocco nella naturalezza di una vocazione musicale che sembra liberarsi con la felicità di un vitalismo irresistibile proprio nell’improvvisazione. Una sintesi di tale tensione immaginativa si può cogliere in Ologramma – titolo che riflette l’ampiezza di suggestioni dell’autrice verso il mondo scientifico – dove un Tema e Variazioni che si articola attraverso tre movimenti come in un febbrile rigenerarsi trova un contrappeso liberatorio nell’Improvvisazione che occupa il quarto movimento con una durata superiore a quella dei tre movimenti precedenti: per dire di un raffiorare di un impulso creativo che dopo aver percorso gli itinerari formali delle variazioni, riplasmandone continuamente i profili, si distende in tutta la sua ampiezza, sospinto da memorie che la tastiera sembra aver conservato nella sua variegata complessità, dal prediletto Schumann ad Albeniz, Granados e tanti altri ancora, senza tuttavia l’insidia dell’eclettismo, scansato proprio dalla forza nativa di un’invenzione che investe le forme coinvolgendole in un gioco caleidoscopico avvolgente come quello che trascorre lungo i tre movimenti della sonata Pour jouer, dedicata ad Aldo Ciccolini, simbolico omaggio al più illustre dei suoi maestri il quale ha risposto alla dedica con commossa ammirazione.” (Gian Paolo Minardi, Classic Voice, 2018 recens. CD Pour jouer|/Virtuoso Piano Works, Ott. 2018)

“Hohe Improvvisationskunst / Maria Gabriella Mariani überzeugt auch als Interpretin ihrer eigenen Werke. Dass die italienische pianist Maria Gabriella Mariani auch als Komponistin anspruchsvoller Klavierwerke aktiv ist, ist spätestens seit ihrer Auszeichnung mit dem Global Music Award im Jahr 2017 bekannt. Dass sie darüber hinaus auch als Interpretin ihrer eigenen Werke überzeugt, dokumentiert diese Einspielung aussagekräftig. Die siebzehn Variationen über ein Thema inklusive virtuosem Finale und anschließender, fast halbstündiger Improvisation erinnern mitunter an die Klangsprache  Debussys, auch finden sich zahlreiche Jazzelemente wieder. Die ebenfalls enthaltene Sonate „Pour jouer“ unterstreicht die kompositorische Fähigkeit Marianis. Die dreisätzige Komposition, angelegt als Variationsfolge, ist virtuos interpretiert, überzeugt technisch sowie im gestalterischen Ausdruck. Ein kleiner Wermutstropfen findet sich in der Aufnahmequalität, doch wer keine audiophilen Ansprüche erhebt, wird hier mit großer Improvisations- und Interpretationskunst belohnt.” (Johann Buddecke, Concerti, recens. CD Pour jouer / Virtuoso PIano Works, Dic. 2018)

“Alta arte di improvvisazione /  Maria Gabriella Mariani convince anche come interprete delle sue opere. Il fatto che la pianista italiana Maria Gabriella Mariani sia anche attiva come compositrice di opere pianistiche impegnative è stato riconosciuto dal suo premio al Global Music Award nel 2017 al più tardi. Il fatto che lei convinca anche come interprete delle proprie opere è documentato significativamente da questa registrazione. Le diciassette variazioni su un tema, tra cui un finale virtuoso e la successiva improvvisazione durata quasi mezz’ora, ricordano il linguaggio del suono di Debussy, e ci sono anche numerosi elementi jazz. La sonata inclusa “Pour jouer” sottolinea l’abilità compositiva di Mariani. La composizione in tre movimenti, creata come una sequenza di variazioni, viene virtuosamente interpretata, convincendo tecnicamente oltre che in termini di espressione artistica. Un piccolo lato negativo si trova nella qualità della registrazione, ma che non solleva pretese audiofile, qui premiata con grande arte improvvisativa e interpretativa.” (Johann Buddecke, Concerti,  recens. CD Pour jouer /Virtuoso Piano Works, Dic. 2018 – traduz. auto, da Google)

“In her own way Maria Gabriella Mariani has created a multi-dimensional art in which words, music, and life mingle and merge. Hologram (Ologramma) from 2014 is a fitting title for the major piano work on the program, but it also applies to how the overflowing imagination of this Neapolitan artist works—fragments, themes, ideas, and perceptions expand into gorgeous music that cannot bear to be self-contained. “Hologram” serves as a metaphor for seeing a world in a grain of sand, or in this case, a melody that expands not simply into 17 variations and a finale. Mariani’s imagination has much more to explore in the initial theme, and a 24-minute Improvisation follows. She describes this as either a “super variation” or a cadenza that happens to come after the finale (this gesture must be unique in music history). To describe the extravagance of Hologram one thinks back to Alkan, Godowsky, and other post-Lisztians for whom too much was barely enough. In that vein, Mariani’s use of virtuosity is almost entirely unbroken—a cascade of notes builds an interwoven design as complicated as a Persian carpet. The underlying theme, which is sensuous and seductive, suggests a background in Mediterranean folk dance, from the tarantella to the fandango, that adds depth to the overlapping variations and the moods they evoke. The listener is appealed to through a constant rhythmic pulse that feels alive, and Mariani’s harmonic language, founded on recognizable common chords, scales, and arpeggios, has the benefit of sounding at once generous and beautiful. There’s a long tradition of pianists composing their own display pieces, but Mariani is unusually autobiographical even by those standards. No composer I’ve ever encountered packages a CD with a book written by them, as h Mariani has done. Her website describes the contents of Imperfect Consonance (Consonanze Imperfette) as a dialogue between the author as a mature musician and Emi, her younger self, whose passion for music overwhelms everything else. The mature Maria speaks of subjects like the travail of competitions and the obstacles placed before women who pursue a career in music, looking back on Emi’s total immersion in music and what she has had to learn over the years. I haven’t heard the CD that goes with Imperfect Consonance (in Italian, as in English, consonance is a musical term but also has the general meaning of a harmonious agreement), but the mood and atmosphere created by Hologram open the door to an unbounded imagination devoted to personal expression. The second work on the program, Sonata Pour Jouer from 2011, also plays on words in the title—in French “pour jouer” can mean simply “to play” or “for playing,” but with implications about playfulness, playing a role, and dedicating oneself to the playing of music.  Mariani applies these meanings, and dedicates the work, to Aldo Ciccolini, the late French-Italian pianist who was her teacher. The sonata is in the conventional three-movement form of Allegro-Andante-Allegro, but rather than rigorous classicism we get Mariani’s personalized technique of continuous variation, as I’d describe it, which moves rapidly from idea to idea, in a general pianistic sound world that recalls Prokofiev and rRvel—one hears alternating staccato mottos, bittersweet melody, and neoclassical echoes of a piece like “Mouvement” from Tombeau de Couperin. Events are gathered in circular overlapping and recollection. The finale is reserved for the showiest display of virtuoso technique. The result is entrancingly inventive, overflowing, and, as before, gorgeous. On her website Mariani offers excerpts from her performance of Schumann’s Symphonic Etudes, and I would call him her closest kin in music history, because he was also literary and devoted to personal expression, and motivated by passions that refused to be constrained by conventional forms. Despite harmonic reflections of Schumann that I hear, Mariani has created her own musical world, and the pleasure of entering it as a listener comes from her generosity and gift for beauty. The piano’s recorded sound is close and full, adding to the drama of Mariani as performer.” (Huntley Dent, Fanfare Magazine, review CD Pour jouer /Virtuoso Piano Works, Dic. 2018)

“A modo suo, Maria Gabriella Mariani ha creato un’arte multidimensionale in cui le parole, la musica e la vita si fondono e si fondono. Hologram (Ologramma) del 2014 è un titolo adatto per il lavoro principale del pianoforte sul programma, ma si applica anche a come l’immaginazione traboccante di questo artista napoletano funziona: frammenti, temi, idee e percezioni si espandono in una musica meravigliosa che non può sopportare essere autonomo “Hologram” funge da metafora per vedere un mondo in un granello di sabbia, o in questo caso, una melodia che si espande non solo in 17 variazioni e in un finale. L’immaginazione di Mariani ha molto altro da esplorare nel tema iniziale e segue un’improvvisazione di 24 minuti. Lo descrive come una “super variazione” o una cadenza che viene dopo il finale (questo gesto deve essere unico nella storia della musica). Per descrivere la stravaganza di Ologramma si pensa ad Alkan, Godowsky e ad altri post-Lisztiani per i quali troppa era appena sufficiente. In questo senso, l’uso del virtuosismo di Mariani è quasi completamente ininterrotto: una cascata di note crea un design intrecciato complicato come un tappeto persiano. Il tema di fondo, che è sensuale e seducente, suggerisce uno sfondo nella danza popolare mediterranea, dalla tarantella al fandango, che aggiunge profondità alle variazioni sovrapposte e agli stati d’animo che evocano. L’ascoltatore è attratto da un impulso ritmico costante che si sente vivo, e il linguaggio armonico di Mariani, fondato su accordi comuni riconoscibili, scale e arpeggi, ha il vantaggio di suonare allo stesso tempo generoso e bello. […]), ma lo stato d’animo e l’atmosfera creata da Hologram aprono la porta a un immaginazione illimitata dedicata all’espressione personale […] Il risultato è esteticamente fantasioso, traboccante e, come prima, stupendo […]” (Huntley Dent, Fanfare Magazine,  estr. recens. CD Pour jouer /Virtuoso Piano Works, Dic, 2018 – traduz autom. da Google)

“Intensamente  passionale  […]  Strumenta … e suona molto bene (il sottotitolo del disco è,  giustamente, “Virtuoso Piano Works “) […] Ed è autrice anche di romanzi e non ha timore di mettere la sua musica in relazione con idee extramusicali  […] Una personalità prorompente.” (Piero Rattalino, Musica, estr. recensione del CD Pour Jouer / Virtuoso Piano Works, 2018)

“There is a passion to Maria Gabriella Mariani’s music that is most involving (“music” being a term which here includes Mariani’s roles as creatrix and performer). Take the first piece, written in 2014, the theme, variations and an improvisation “Ologramma,” with its torrents of notes. While the theme itself sounds decidedly French (it is perfumed, certainly), the work can be Lisztian at times. Mariani’s performance is outstanding, technically commanding and of utter musial integrity. She is lucky enough to be caught, too in, a recording that captures her burnished sound: Mariani’s sound never breaks, no matter how impassioned the thread. The concluding improvisation is some 25 minutes long, giving the work an intriguing formal shape (the mode of utterance is, indeed, completely different from the tightly-controlled finale). Parts of the improvisation sound like Rakhmaninoff, parts are more closely allied to the French musical world but there is everywhere a sense of flow that is most compelling. The Sonata, “Pour Jouer” gravitates towards Ravel’s Gaspard in its repeated notes and the twitchy, nightmarish atmosphere of its first movement. The central Andante is initially a place of repose, sweet of utterance and with a lovely cantabile line from Mariani. Harmonies are slowly intrpduced that imply all is not as comfortable as the music might initially imply; the oscillation between the two areas is fascinating to track, as the limpid descending line seeks to reinstitute rest. The finale is triumphant, the harmonies positively ecstatic. Again, a French influence is detectable, but what is remarkable is the emotional distance traversed in this finale, its contrasting plateaux true interiorizations in which Mariani sweetens her tone remarkably. A terrific disc, and one all pianophiles should investigate.” (Colin Clarke, review CD Pour jouer /Virtuoso Piano Works, 2018)

“C’è una passione per la musica di Maria Gabriella Mariani che è più coinvolgente (“musica” è un termine che qui include i ruoli di Mariani come creatrice e performer). Prendi il primo pezzo, scritto nel 2014, il tema, le variazioni e un’improvvisazione “Ologramma”, con i suoi torrenti di note. Mentre il tema in sé sembra decisamente francese (è profumato, certamente), il lavoro può essere Lisztian a volte. La performance di Mariani è eccezionale, tecnicamente imponente e di totale integrità musicale. Ha la fortuna di essere catturata anche lui in una registrazione che cattura il suo suono brunito: il suono di Mariani non si spezza mai, non importa quanto appassionato il thread. L’improvvisazione conclusiva dura circa 25 minuti, conferendo al lavoro una forma formale intrigante (la modalità di espressione è, in effetti, completamente diversa dal finale strettamente controllato). Parte dell’improvvisazione suona come Rakhmaninoff, le parti sono più strettamente collegate al mondo musicale francese, ma c’è ovunque un senso di flusso che è più avvincente. La Sonata, “Pour Jouer”, gravita verso il Gaspard di Ravel nelle sue note ripetute e l’atmosfera turbolenta e da incubo del suo primo movimento. L’Andante centrale è inizialmente un luogo di riposo, dolce espressione e con una bella linea cantabile di Mariani. Le armonie vengono lentamente introdotte che implicano che tutto non è comodo come potrebbe implicare inizialmente la musica; l’oscillazione tra le due aree è affascinante da tracciare, mentre la linea discendente limpida cerca di reintegrare il riposo. Il finale è trionfale, le armonie positivamente estatiche. Ancora una volta, un’influenza francese è rintracciabile, ma ciò che è notevole è la distanza emotiva attraversata in questo finale, i suoi altissimi plateau di interiorizzazione in cui Mariani addolcisce notevolmente il suo tono. Un disco formidabile, e tutti i pianofili dovrebbero indagare.” (Colin Clarke,  recens. CD Pour jouer /Virtuoso Piano Works, 2018 – traduz. autom. da Google)

“… Uno dei più titanici lavori pianistici che mi sia mai capitato di ascoltare nel mondo contemporaneo. Lontano da qualsiasi linguaggio se non il proprio, sono orgoglioso di presentare il nostro nuovo disco dal titolo “Pour Jouer”, ovviamente musica, cuore e mani della formidabile Maria Gabriella Mariani.” (Edmondo Filippini, musicologo e discografico DaVinci Classics, presentazione CD Pour jouer / Virtuoso Piano Works, 2018)

“[…] rappresenta quasi un unicum nel panorama dell’interpretazione musicale, in quanto, come ha spiegato ella stessa nell’intervista rilasciata tempo fa a MusicVoice, la sua concezione estetica la spinge a confrontarsi non solo con la materia dei suoni, ma anche con quella letteraria e con quella scientifica, in particolar modo con la fisica quantistica. Una peculiarità, questa, che si è già manifestata in occasione dell’uscita del precedente lavoro discografico della Mariani, Pour jouer – Virtuoso Piano Work, sempre per la Da Vinci Classics, quando in concomitanza, quale diretta propagazione del suono che si trasformava in parola, ha pubblicato il suo romanzo Ologramma – Sette vite per non morire (edito da Guida) e che viene adesso ribadita dall’autrice con due altre opere letterarie, La voce di Alin, che rappresenta idealmente un ulteriore segmento, sotto forma narrativa, di quanto è già presente in Kinderliana, e I racconti di Dora e Lucia, che contengono altri racconti che portano gli stessi titoli dei brani contenuti in Kinderliana […] E tutto ciò Maria Gabriella Mariani lo racconta o, per meglio dire, lo svela con un pianismo che è, osando un ossimoro, frutto di un “ordine anarchico”, ossia mutuato da una lettura nella quale la precisione del gesto, della resa timbrica, dell’uso dei pedali, doveva rendere sia la dimensione di ciò che resta ancora infantile, sia la percezione che dietro a quell’idea di infanzia c’era già il sorgere dell’individuo adulto, di colui che non pensa di essere ancora un bambino, ma immagina di esserlo.” (Andrea Bedetti, Music Voice, dalla recensione del CD Fairy Tales, marzo 2019)

“Alla sua seconda prova su disco, Maria Gabriella Mariani sceglie un programma ed un titolo tutt’altro che scontato, cioè il racconto in musica delle storie per “bambini”. Chi meglio quindi di Robert Schumann e Claude Debussy hanno saputo raccontare questo mondo scandagliandone sapientemente tutti gli aspetti più reconditi sino a quelli anche più giocosi e innocenti. Nell’interpretazione dei due capolavori, la pianista partenopea mostra una capacità di lettura ed analisi fuori dal comune, tesa completamente a far risultare queste piccole storie come micromondi in sé compiuti. Una tensione che si riflette all’interno del ciclo originale da lei composto, non a caso chiamato Kinderliana. Non omaggio alle altre composizione, quanto semmai parallela terza visione sul mondo dell’infanzia, Kinderliana oscilla come in una vera fiaba tra l’immateriale mondo del sogno ed una più cruda realtà con cui ognuno di noi, almeno una volta nella vita, deve imparare a relazionarsi.” (Edmondo Filippini, musicologo e discografico Da Vinci Classics, presentazione  CD Fairy Tales, Marzo 2019)

“[—]E’ indubbio che MGMariani propone un modo di comporre in cui il dominio assoluto della tastiera si coniuga ad un’espressività nella quale non mancano i rimandi ad un pianismo di chiara matrice francese del Novecento (d’altronde, se il brano è dedicato ad Aldo Ciccolini, erede e rappresentante di un’arte esecutiva squisitamente francese ci sarà un motivo). Pianismo che non cede alla tentazione di evidenziare un virtuosismo che non ritrovi riscontro nella sua dimensione costruttiva e che quindi è reso vivido e vitale da brillanti soluzioni costruttive che l’interrete plasma e padroneggia.”  (Andrea Bedetti, Audophile, recens. CD Pour Jouer / VIrtuoso Piano Works, 2018)

“Pianista straordinaria […] Il suo è un pianismo sontuoso. Incarna la figura del pianista – compositore e improvvisatore scomparsa dai primi del ‘900 e che era tipica dei grandi pianisti del passato […]. Il caso della Mariani è diverso: le sue improvvisazioni non nascono dal bla la bla delle mani che trovano soluzioni, ma dallo stesso grembo della composizione. (Gian Paolo Minardi, presentazione alal Feltrinelli di Parma del CD Pour jouer/ Virtuoso Piano Works, 2018)

“Mi sono riconosciuto molte volte durante l’esecuzione di questo brano [Pour jouer], esecuzione magistrale che rivela una personalità, quella della M., davvero eccezionale, con mezzi pianistici straordinari, ed esprimo la mia emozione, tutta la mia commozione dopo aver sentito un’opera sì monumentale dedicata a me.” (Aldo Ciccolini  – straordinaria testimonianza di Ciccolini in occasione dell’ “Omaggio ad Aldo Ciccolini”)

“La musica di Maria Gabriella Mariani scorre con una consequenzialità priva di formalità scolastiche […] Le composizioni non sono prive di una loro peculiare diversità […] La sua musica potrebbe dichiarare la possibilità di una odierna creatività musicale […]” (Roberto De Simone, dal saggio di R. De Simone dedicato a M.G.Mariani)

“E’ certamente la comunicazione l’aspetto centrale del pianismo della Mariani, digitalmente tanto arduo che solo una tecnica di prim’ordine come la sua – in cui l’eleganza del suo amatissimo Maestro Aldo Ciccolini, si somma ad un’urgenza, quasi un’aggressività molto coinvolgenti – puo’ rendere in maniera compiuta queste pagine e naturalmente il discorso vale anche per i quattro brani presentati in questo cd Riflessi. Ascoltando suonare la Mariani, ci sembra di avvertire mille echi, mille influenze (chi non troverebbe, ad esempio, nei primissimi secondi di Fiori di fuoco, un’eco del Respighi delle antiche arie e danze o, magari, del Ravel più neoclassico?), ma il modo in cui esse sono fuse fra loro è singolarissimo e, direi felicissimo. Sono pagine singolarmente ampie, queste della Mariani […]” (Nicola Cattò, Musica, estratto dalla presentazione del CD Riflessi)

“Artista dalla cifra distintiva complessa, riconosciuta dagli appassionati e molto apprezzata nell’esecuzione del repertorio” (Laura Valente – Ravello Festival, “la Repubblica”)

“San Carlo, liricità “pensosa”. Intima ed emozionante lezione – concerto[…] O forse più che lezione […] sarebbe da chiamarla immersione, in quell’universo di commovente, gioiosa, esaltante e sofferta sensibilità che sa essere l’affascinante personalità della pianista napoletana. Musicista, esecutrice di livello internazionale, compositrice, ma anche da qualche anno scrittrice, Maria Gabriella Mariani ha offerto di sè il lato più intenso e comunicativo portando il suo pubblico per mano in un viaggio tra le note e le strutture armoniche di” Fun… Tango. Tre irradianti di un’unica matrice […] Lei che sin da bambina giocava con le note, chiamandole, per gruppi, “famiglie” (le stesse che più tardi dopo gli studi di armonia capirà di essere le tonalità) non l’ha persa la voglia di giocare, scoprirsi, coinvolgendo, naturalmente, così, tutto il teatro in questa meraviglia di suoni e di richiami che è il suo brano “della memoria“. E giocando, Maria Gabriella si racconta e in certi casi pare proprio che si liberi di un fardello […] nasce una nuova coscienza creativa, produttiva e viva più che mai che la Mariani fa esplodere sui tasti, con un piglio e una padronanza che non ci si aspetterebbe da una voce così flebile e gentile; Maria Gabriella illustra la genesi compositiva del brano, il tema dominante di due note che viene riproposto nei tre movimenti e i differenti stati d’animo che possono generare tanti irradianti di un’unica matrice. Elenca i cambi di atmosfera e di intensità, le tematiche che ricorrono ora nel registro acuto ora in quello grave. Accenna alla tonalità e all’ambiguo tonalismo del pezzo, alle dissonanze (o, come preferisce, “consonanze imperfette”) e ai cromatismi riflessi nella memoria:  “come se passassero lungo tutti questi tasti, simulacri degli anni che scorrono mentre il dito li tocca tutti. E questo espresso con estrema leggerezza ed entusiasmo al punto che anche chi, per formazione, non capirebbe, capisce e, capisce fino in fondo. Arrivata all’esecuzione del brano da capo a fondo, sembra che con le dita stia sistemando i pensieri, meticolosamente. E si volta verso il pubblico sorridente, confidente e complice compiaciuta della magia che ha saputo creare con la sua ‘liricità’ pensosa.” (Roma, dalla recensione concerto Teatro San Carlo)

” […] Una personalità rara in tempi di estrema specializzazione, e anche molto coraggiosa […]” Nicola Cattò, dall’intervista su Musica n. 229)

“La Mariani è un fiore di pianista […] L’autrice si mette in gioco con tutta se stessa, come compositrice, come interprete di Fun Tango – Tre irradianti di un’unica matrice. Riflessi iridescenti di raveliana memoria percorrono una pagina che sembra indulgere alla moda neotonale e che in realtà non vi indulge affatto, muovendosi lungo sentieri personali […] La trama del racconto [Consonanze Imperfette], piuttosto un fluire di pensieri, pura musica verrebbe da dire. Le pagine hanno lo stesso respiro di una melodia, con le due voci di donna che si rincorrono e si sfidano. Questa e` musica, non letteratura. « Tu stai suonando? » chiede Emi a Gabriella ad un certo punto del libro. «No, sto scrivendo ». « Tu stai suonando!” (Luca Segalla,  Musica – dalla recensione del  CD Fun Tango, tre irradianti di un’unica matrice allegato al suo libro Consonanze Imperfette. Storia di una vita a due voci)

La Mariani tra i segreti e le note dell’anima… Ci sono libri che parlano di musica e, meno di frequente, partiture musicali che assumono le sembianze di un racconto, forse di un dialogo o di una sceneggiatura. A questa seconda categoria appartiene il cd “Fun Tango” non a caso allegato ad un libro intitolato “Consonanze imperfette”. Ciò spiega pure perché, oltre alle parole, sia stata l’esecuzione di Fun Tango in Conservatorio a svelare le motivazioni dell’autrice e il senso del suo progetto in modo tanto più esplicito: trenta minuti di musica condotti sul filo della passione con intenti evocativi racchiusi in uno stile difficilmente codificabile,frutto spontaneo di una commistione emotiva prima ancora che linguistica.” (Stefano Valanzuolo  – Radio RAI3, dalla recensione concerto Teatro San Carlo, Il Mattino)

A suo tempo ascoltai  Scarbo di Ravel da Maria Gabriella Mariani, e, senza perdermi in superlativi (che non amo e lasciano il tempo che trovano), devo dire che al “talento” che avevo potuto ammirare da subito […] devo aggiungere la mia meraviglia per altri aspetti che mi hanno piacevolmente colpito. […] il fuoco che ha dentro di sé Maria Gabriella Mariani, ma anche l’agilità, la scioltezza delle dita e delle mani che sembrano essere snodate in ogni punto. Non ho mai visto una mano piegarsi così alle esigenze di una tastiera (anatomia michelangiolesca?).” (Potito Padarra, Presidente Accademia Ottorino Respighi, Milano)

“La bravura della Mariani come pianista colpisce e la narrazione e la musica si completano con felice sintonia” (Nicola Cattò, Musica, dalla recensione del Cd Presenze) 

“[…] Ciò che ci preme chiaramente dire è che nella battaglia selvaggia senza quartiere dei due temi [Sonata in si minore di Liszt], le improvvise dolcezze arpeggiate, gli sviluppi virtuosistici e contrappuntistici, spesso strepitosi e squillanti, il dinamico e drammatico fugato del lento assai che conclude la sonata come un colpo smorzato di timpano, abbiamo trovato in Maria Gabriella Mariani un’interprete di eccezione per maturità tecnica e virtuosismo. Gli applausi entusiastici le hanno strappato un bis […] lisztiano, un omaggio alla sua terra Tarantella e Canzone da Napoli appendice al secondo libro degli Anni di Pellegrinaggio.” (European Liszt Centre Magazine)

“Maria Gabriella Mariani rievoca lo spirito romantico di Liszt e Chopin […] “arbiter elegantiae” la brava pianista Maria Gabriella Mariani. Alla luce del recital [sonate di Liszt e Chopin in si minore], più che un duello […] un’evocazione e Maria Gabriella Mariani più che arbiro ne è sacerdote. La pianista gode sia delle necessarie doti tecniche per un programma così ostico ma soprattutto della profondità espressiva per l’interpretazione. La sua impostazione è calibrata, impeccabile […] per rievocare due spiriti […] Non c’è trucco, non c’è inganno, la strana coppia Chopin-Liszt torna a rivivere e a parlare con voce autentica attraverso di lei. Chiude il concerto un bis, chiesto a furor di platea. Ma ora sullo sgabello c’è solo Maria Gabriella Mariani, nessuno spirito, solo un demone: il suo. […] un componimento autografo dedicato alla propria città “Pulcinella” […] Se chi ben comincia è a metà dell’opera ne vedremo delle belle.” (Oltrecultura: Recensioni Musica © – Cameristica) 

“Un singolare concerto… Un racconto che alterna musica e parola, alludendo al libro “Consonanze Imperfette” ed al brano Fun…Tango. L’uno e l’altro portano la firma della Mariani, non nuova a cimenti musical letterari ed apprezzata nella doppia veste di pianista e scrittrice… I tre movimenti corposi che compongono Fun…Tango sono eseguiti con una foga che non di rado coinvolge la platea e, all’interno di una vicenda che vede per protagonista l’alter ego dell’autrice, Emi, colta in diverse fasi della propria vita.” (Stefano Valanzuolo, dalla recensione concerto Teatro San Carlo, Il Mattino)

 “… uno dei più bei talenti che mi sia capitato di ascoltare, mi ricorda moltissimo la Argerich del Concorso di Ginevra… Una profonda sensibilità interpretativa e delle doti tecniche inappuntabili. Dovrebbe andare via dall’Italia e frequentare i grandi concorsi internazionali.” (Tito Aprea, Concertista e Accademico di Santa Cecilia)

“Maria Gabriella Mariani è nereide mediterranea, ninfa proteiforme, capace di affascinare con le note in chiaroscuro del suo pianoforte.”  (Roma)

“Gabriella Mariani, uno Speranza meritato […] Maria Gabriella Mariani è la vincitrice del XXIV Concorso Pianistico Arcangelo Speranza […] Il suo concerto […] ne ha dato pienamente conferma La Mariani ha avuto la sua gloria, i suoi applausi, i consensi entusiastici del pubblico… al quale ha offerto la prova della sua passione e del suo slancio partenopei (è nata infatti a Napoli, 20 anni fa sotto la costellazione del Sagittario), l’arte del tocco e la forbitezza della sua tecnica, messe a fuoco da Aldo Ciccolini, il suo preclaro maestro, eseguendo quasi rannicchiata sul pianoforte, concentrata al massimo, fino allo spasimo, Gaspard de la nuit di Ravel… la “Sonatina Super Carmen” di Busoni […] in una spericolata versione pianistica e, per finire i Feux Follets, i Fuochi Fatui di un Liszt da capogiro.” (Josè Minervini, Corriere del giorno, Taranto – Concorso A. Speranza)

“Grandissima impressione ha suscitato […] la Mariani che si è guadagnata la simpatia e le acclamazioni del pubblico con l’esecuzione di musiche di Ravel e di Busoni di eccellente qualità.” (Dino Foresio, Il Quotidiano, Taranto – Concorso A. Speranza)

“Un pianista che si accinga ad una simile impresa esecutiva deve essere tanto lontano dalla retorica quanto la più distante galassia lo è dalla nostra Via Lattea; ebbene Gabriella Mariani ha questa fortuna, dal momento che possiede quella “innocenza della tecnica” senza la quale ogni approccio all’opera di Robert Schumann è destinata a fallire. Con Fryderick Chopin la giovane strumentista napoletana si pone con l’intelligenza della mano, trovando la forza di un’inaudita lucidità e raccogliendo in pieno l’istinto armonico e dinamico che fa della musica del compositore polacco un evento a sè stante nella letteratura pianistica[…] Gli Improvvisi n. 1, 2 e 3 e la “Polacca Fantasia” eseguiti con grande rigore formale, e lo “Scherzo in si bemolle maggiore”, hanno dato modo alla Mariani di dar luogo ad una lettura essenziale e trasparente, non priva di una preziosa intransigenza emotiva.” (Paese Sera)

“Nel Concerto n. 2 di Chopin Maria Gabriella Mariani esordisce con un Maestoso in cui tutte le forze nel senso proprio fisico dell’interprete sono impegnate per scuotere l’uditorio. La giovane pianista napoletana, profondamente calatasi nella parte, ha dominato nel confronto con l’orchestra in una partitura affatto semplice che impone al solista un vero tour de force. Nell’ultimo Allegro Vivace la Mariani è riuscita perfettamente ad interpretare una pagina che […] richiede un grande slancio virtuosistico tale però da non “oscurare” il richiamo popolareggiante delle idee melodiche e ritmiche.” (Il Centro)

“Un grosso successo grazie ad una pianista d’eccezione, Maria Gabriella Mariani, che mostrando la disinvoltura del professionista e la raffinatezza del provato esperto, nonostante la sua giovane età, ha proposto un programma poderoso. […]. Ha stupito un pubblico che in applausi non è stato avaro, avendo riconosciuto e apprezzato la pulizia tecnica che non ha ceduto neppure nei passaggi tradizionalmente ritenuti più difficili. E’ stata la protagonista più evidente della serata […] una tecnica sempre adeguata, duttile ai moti più profondi di una sensibilità quella della Mariani, che sa, con l’intelligenza dello studioso e dell’esecutore (non sempre rinvenibili nella stessa persona) penetrare i segreti più intimi di una composizione. […] L’eccezionalità dell’esecuzione è stata assicurata soprattutto dalla complessità della formazione… della giovane pianista, la cui vivace intelligenza unita ad una cultura più che articolata, le hanno permesso di abbracciare tutti gli aspetti estetici, tecnici ed esecutivi che, presenti in un’opera, concorrono alla sua complessa dimensione.” (Il Mattino)

 

             

Immagini
Audio
Video
Concerti
Nessuna partecipazione a concerti ancora inserita in questo profilo

partecipazione_23097_48283_1576869489

M…
01/11/2019
20:00
Rugen,

partecipazione_32688_1559498878

R…
21/06/2019
0:00
Villa Litta

partecipazione_23097_30444_1557052630

S…
20/09/2019
17:30
Villa Lagarina, Palazo Libera

partecipazione_23097_29626_1555611872

23/04/2019
17:30
Museo del Violino, Sala Amati, Cremona

partecipazione_23097_27299_1554148592

R…
10/02/2019
17:30
Castello Svevo, Pinacoteca Moroni

partecipazione_23097_24522_1552810062

O…
12/04/2019
14:00
SeeCampus Niederlausitz

partecipazione_23097_23522_1552810062

P…
28/03/2019
16:30
Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III, Sala "Rari", Pala…

partecipazione_23097_23487_1552762778

S…
14/04/2019
20:00
Kulturhaus Schwartzsche Villa

partecipazione_23097_23452_1552762096

P…
13/04/2019
20:00
Gasteig, Kleiner Konzertsaal
Per poter lasciare un messaggio è necessario iscriversi a MusicaMea